Assistenza al parto

L’ASSISTENZA AL PARTO

Cosa fa, in pratica, una doula?

La doula, durante la gravidanza, incontra per tre/quattro volte la donna che chiede il suo aiuto. Stabilisce così` con lei una relazione personale, eventualmente insegnandole gli esercizi di respirazione e rilassamento che saranno utili al momento del parto e fornendole i consigli utili per alleviare i disturbi della gestazione.

 

– Durante il travaglio

Durante il travaglio, l’educatrice prenatale, o doula:

– spiega le procedure mediche relative al parto (ma, attenzione, non è abilitata a svolgere compiti di tipo medico!);
– offre un sostegno di tipo emotivo;
– pratica il massaggio e altre forme di sollievo non farmacologico dal dolore;
– suggerisce le posizioni più adatte;
– incoraggia e sostiene anche il partner, quando presente, in modo che possa a sua volta sostenere la partoriente;
– se richiesto, fa da tramite con il personale ospedaliero per richieste particolari o risoluzione di problemi;
– può scrivere il resoconto del parto, se lo si desidera;
– aiuta ad attaccare immediatamente il bimbo al seno.

– Un sostegno in più

Perché scegliere il sostegno dell’educatrice prenatale, o doula ?

Molte donne sono spaventate dall’idea del parto; altre non possono contare sulla presenza del partner, che decide di non assistere. Per tutte può essere necessaria la presenza costante di una persona esperta, competente e amica, che resti accanto momento per momento.

L’educatrice prenatale, o Doula, può essere preziosa anche per il partner: molti uomini vivono il parto della loro compagna con forte emotività, e trovano difficile essere obiettivi e calmi. Anche per loro può essere un sollievo trovare conforto e rassicurazione, in modo che possano, a loro volta, sostenere amorevolmente la loro partner. In questo modo, il partner e la doula costituiscono una “squadra” di sostegno ideale per la partoriente.

Il valore, psicologico e non solo, che ha la presenza della doula è dimostrato dall’evidenza delle statistiche.

Numerosi studi, effettuati in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, hanno mostrato che partorire con l’aiuto della doula:

– riduce del 50 % il ricorso al taglio cesareo;
– riduce del 25% la durata del travaglio;
– riduce del 60% la richiesta di analgesia epidurale;
– riduce del 30% il ricorso all’anestesia;
– migliora l’interazione madre-neonato;
– aumenta la soddisfazione della donna per l’esperienza del parto.



Un commento

  1. Buongiorno!
    mi chiamo Arianna. Vorrei sapere come e dove intraprendere un percorso di formazione per diventare una doula. Grazie mille!